Crea sito

Featured Posts

  • Prev
  • Next

Le rapine in banca senza pistole e passamontagna

Posted on : 13-09-2012 | By : admin | In : News pirateria ,sicurezza e truffe

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

Anche la criminalità si organizza e la percentuale di rapine effettuate in stile “mani in alto, questa è una rapina! ” si è ridotta notevolmente. Di contro sono sempre di più le rapine effettuate attraverso mezzi informatici . Spesso si tratta di piccole rapine effettuate ad altrettanto piccole e poco sicure banche , che di certo non si preoccupano di stare al passo tecnilogico. Addio quindi a passamontagna e pistola : i nuovi rapinatori si sono trasferiti online e , oltre ad essere più al sicuro , riescono ad accedere ai conti con più facilità (se non sono applicate le giuste protezioni) .

Una delle operazioni più recenti e più conosciute da chi opera nel settore è  Hight Roller ,  che ha causato il furto di 60 milioni di euro dalle banche europee e sud americane. Tale furto è avenuto con metodi già conosciuti nel mondo degli esperti in sicurezza informatica.

L’attacco si divide sostanzialmente in tre fasi : dopo l’accesso al registro dei clienti di una certa banca  si individuano i conti più succolenti. A tal punto basta inviare un malware che spia username password al nostro accesso. I soldi vengono infine trasferiti su conti correnti (spesso fantasma o comunque intestati a nullatenenti o persone inesistenti) e solo successivamente al truffatore. Spesso per la transizione finale si preferisce il money transfer, perchè tracciabile in maniera molto più complicata di altri metodi.

Spesso ,inoltre, non si mirano a persone con conti correnti succulenti. Non vi è mai capitato di ricevere avvisi di blocco o di strani pagamenti fatti con account Paypal, Postepay, di carte di credito o conti bancari ? Ecco, se le avete ricevute (solitamente i servizi email le filtrano e le mettono nello spam) allora saprete come queste email sono frequenti e insinuanti, con grafiche ingannevoli e quasi veritiere. In tal caso viene linkata una pagina che cattura ciò che noi scriviamo nei campi “username o email” e “password” .

Youtube , maggiore privacy con l’oscuramento dei volti

Posted on : 17-08-2012 | By : admin | In : Altre news

Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

0

A molti sembrerà una ottima idea e un servizio che magaricercavano da tempo con diversi software. Altri invece non lo useranno mai perchè credono che il bello dei video di Youtube sia proprio la visione originale del video, senza modifiche. Qualunque sia la vostra idea, ritengo molto interessante la possibilità di oscurare volti nei video di Youtube attraverso l’editor interno, proprio come avviene nei filmati che vediamo spesso in TV (come le denunce di Striscia la Notizia ad esempio).

La protezione della privacy permette ai protagonisti di non avere ripercussioni nella vita reale che comprometterebbero magari gli aspetti lavorativi o comunque di notevole importanza. Il processo è difficilmente reversibile e comunque molto costoso da attuarsi.

Bus e auto mossi dalle frenate

Posted on : 13-07-2012 | By : admin | In : News tecnologie

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

In questo articolo parleremo di due casi ben distinti, ma riconducibili ad un medesimo effetto. Il primo progetto è stato finanziato dall’Unione Europea  e consiste nella messa in circolazione di 2 autobus ibridi , dove la parte elettrica funziona senza batterie. Sostanzialmente il sistema accumula l’energia durante  le frenate per poi cederla durantegli aumenti di velocità. Questo sistema ,applicato con successo già in alcuni stati europei, vedrà la luce anche in Italia . Infatti i due autobus sono stati acquistati dalla società che gestisce i trasporti bolognesi  e sfruttano l’energia inerziale grazie a condensatori e capacitori. Questa innovazione può risultare molto utile in tracciati cittadini ,dove frenate e accelerazioni sono un continuo susseguirsi. Ne consegue un evidente risparmio energetico.

Il secondo progetto che andiamo a descrivere brevemente è stato sviluppato e finanziato dal Ministero dello Sviluppo spagnolo, il quale ha scelto la propria rete ferroviaria  come offerente di ricarica elettrica per auto che sfruttano questa fonte di energia.  Il progetto ha l’obiettivo di convolgiare l’energia prodotta dalle frenate del treno in apposite piazzole provviste anche di pannelli fotovoltaici : qui le auto potranno ricaricarsi . Il Ministero competente ha dichiarato che con questo sistema si potrà recuperare dal 5 al 10% dell’energia utilizzata dalla rete ferroviaria per muovere i convogli ferroviari.  Anche in questo caso si propone uno sviluppo dell’industria del settore rinnovabile e un forte impulso alla diffusione dell’auto elettrica,specie se i tempi di ricarica delle batterie per auto saranno relativamente brevi e i costi competitivi.

L’aviazione che rispetta di più l’ambiente

Posted on : 05-07-2012 | By : admin | In : News tecnologie

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

L’aereo è un mezzo di trasporto  veloce e comodo , ma come sappiamo è amche il mezzo di trasporto più inquinante sia sotto il profilo della CO2 ,ma anche sotto il profilo di altre sostanze molto inquinanti (tra cui le celebri scie chimiche) . E’ iarouindi che,attualmente, l’aviazine non rispetta di certo l’ambiente, ma sono in atto diversi progetti (uno terminato di recente) che possono ridurre sensibilmente gli scarti inquinanti.

Uno dei progetti, che però verrà trasformato in realtà solo dopo il 2040 , è l’aereo a gas .  Questo modello di aereo , chiamato SUGAR Freeze , stoccherà il carburante sottoforma di liqido (sostanzilamente il gas viene mantenuto a temperature molto basse, ed ecco perchè è chiamato “freeze” ) . Il risparmio stimato  è all’incirca del 64% . Una percentuale enorme insomma, se valutiamo  il profilo economico, energetico ed ambientale.

Il progetto che invece è stato terminato di recente, 18 giugno 2012 , è il decollo di un Airbus A319 che utilizza come combustibile dell’olio da cucina esausto (per il 50% della miscela)  e quindi  trattato prima dell’uso.  Con le giuste attenzioni        ( cabina leggera, pulizia esterna del mezzo, traiettoria che favorisce  il movimento,ecc… ) si è misurato un risparmio del 40% rispetto al consumo medio per la stessa tratta. Il progetto è stato portato avanti da Airbus e Air Canada.

Spypen : una biro con microcamera incorporata (recensione)

Posted on : 05-07-2012 | By : admin | In : Novità e progetti hardware

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

Circa 2 settimane fa , navigando su Ebay, mi sono imbattuto in un negozio online  che tratta diversi prodotti interessanti per  praticare riprese in situazioni insolite.  Ho acquistato da questo venditore (trovate il link anche nei siti consigliati e affiliati di Megaweb)  la spypen , ovvero una normalissima biro a sfera con incorporata una microcamera.

Premessa : il seguente oggetto non è recensito a fini pubblicitari per il venditore , è una recensione scritta spontaneamente per promuovere un oggetto che ritengo, nel suo campo,  un buon prodotto.

Come descritto nella premessa, considero la spypen veramente un buon prodotto nel suo genere. Stavo cercando da tempo una penna spia o qualcos’altro di simile e,dopo una attenta analisi tra vari modelli di diversi venditori, ammetto che il modello in recensione è sicuramente il migliore che ho trovato a prezzi decenti

Innanzitutto a partire dallo stile: accurato e, cosa più importante per lo scopo della penna, non lascia insospettire  le persone che ci stanno attorno. La microcamera è veramente molto piccola ,all’incirca come questa lettera : “o” . E se pensate che una microcamera del genere  non può far altro che registrare in risoluzione veramente bassa , vi sbagliate di grosso. Ho trovato diversi modelli in internet con risoluzione   720*480  ed alcune con risoluzione leggermente superiore, ma questo modello le batte tutte :  1280*960 .  Certamente  da una penna del genere, atta soprattutto per attività di tipologia giuridica o per raccolta prove di vario genere , non potremmo mai aspettarci nulla di superiore. Non si tratta di un oggetto professionale , ed anche il prezzo lo dimostra.

Al di la dei numeri per la risoluzione , potete visualizzare questo filmato registrato con la spypen in modo da rendervi conto delle effettive capacità della penna e decidere se può fare al caso vostro. Considerate che il video è eseguito durrante una camminata in un bosco ,mentre generalmente durante una raccolta prove la registrazione è molto più statica. Lo specchio serve a dimostrare che il videè fatto con la spypen :)

Video con la Spypen

Un ulteriore vantaggio di questa penna è , a mio parere, la memoria esterna di tiplogia micro SD(a differenza di altri modelli con la memoria interna)  : innanzitutto perchè è possibile sostituire la memoria con una più grande o utilizzare più memorie senza acquistare diverse penne spia; in secondo luogo  immaginate di aver salvato prove importanti (anche per incidenti stradali per esempio) e vi si rompe, in qualche modo , la biro … Come fareste con una spypen con memoria interna?

L’unico “svantaggio” di questa spypen , che ripeto non è professionale e quindi è assolutamente accettabile come valore , è la poca accuratezza durante riprese in moviemtno . Se registriamo sequenze veloci  o ci spostiamo rapidamente , la ripresa non avviene in modo ottimale.

Ultima cosa da dire sul prodotto: è in grado di scattare anche fotografie .

Il venditore in questione mette in vendita anche prodotti simili alla spypen : portachiavi, occhiali, chiavette usb ,ecc … tutte dotate di microcamera o registratore vocale,  (questi prodotti non ho avuto però modo di provarli) . Ci sono poi altri prodotti che appartengono ad altre tipologie di prodotti.

Parliamo infine del venditore : attento, gentilissimo, veloce nelle spedizioni ,disponibile ,ecc…   Quando ho acquistato la spypen mi ha inviato istruzioni via email (non capivo quelle scritte sulla pagina del prodotto) , mi ha registrato un video con la penna prima di vendermela , l’ha provata prima di spedirmela. La spedizione avviene , almeno per la penna spia, con raccomandata 1 : in un giorno lavorativo è a casa, non bisogna aspettare in chissà quale orario il corriere ( generalmente sapete quando il postino passa nelle vostre vie) ,ecc… Ed anche in caso di sostituzione del prodotto,come mi è capitato, il venditore si è dimostrato anche disponibile ad invii in contemporanea (il vecchio per quello nuovo)  per risparmiare tempo (ovviamente ho inviato una prova dell’avvenuta spedizione e, nel mio caso, del pagamento della differenza.).  Insomma , un venditore davvero meritevole, i feedback in ebay sono di certo meritati. Da questo venditore ho acquistato anche una cella di Peltier ,recensita qui.

Google rifà le mappe in 3D e si espande

Posted on : 12-06-2012 | By : admin | In : Servizi online

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

I dirigenti diGoogle hanno recentemente rilasciato alcune informazioni riguardo ai progetti futuri, a partire da un ampliamento delle mappe che comprenderanno alcuni tra i sentieri di montagna e stradine. Ma la notizia che fa sicuramente più clamore è l’iniziativa di rifare le mappe in 3D . In pratica gli edifici verranno visualizzati  come già accade per alcuni moumenti e zone famose o importanti. Per fare ciò Google ha previsto di utilizzare aerei per riprendere 4 visuali di ogni edificio e successivamente montare tali immagini in modo da creare una visuale 3D  fotorealistica.

Google ha stipulato infatti alcuni contratti con dverse compagnie incaricate di sorvolare il globo per le riprese . Per quanto riguarda invece i sentieri di montagna non accessibili nè con l’aereo e nemmeno  con Google car , ci saranno degli incaricati “boy scout”  che si addentreranno con le giuste attrezzature.

Una chatroulette per Facebook

Posted on : 12-06-2012 | By : admin | In : Altre news, News software e OS, Servizi online, Social network

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

E’ stata inaugurato un servizio molto simile a Chatroulette  che si può installare su Facebook sottoforma di applicazione. Per chi non sapesse cosa è Chatroulette diamo una spiegazione sommaria: il servizio permette di chattare e videochiamarsi,ma con persone casuali e  molto raramente già viste/conosciute.  Questo servizio per Facebook prende il nome di Airtime e si presenta come una schermata divisa nelle due metà : voi e il vostro interlocutore. Ovviamente,come per chatroulette, potete cambiare l’interlocutore premendo “next”.  La sostanziale differenza tra Chatroulette e Airtime sta nel fatto che si può limitare la casualità degli interlocutori per zona geografica o per interessi condivisi.

Un’altra speranza che riponiamo in questo nuovo servizio,a differenza di Chatroulette,   è  l’assenza di persone  che praticano l’onanismo o la masturbazione online, visto che tutto sommato in Facebook non si sono verificati fatti particolarmente gravi.

Prossime consolle controllate con il pensiero

Posted on : 01-06-2012 | By : admin | In : News tecnologie, Novità e progetti hardware

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

Non è una dichiarazione ufficiale nè tantomeno una previsione certa, ma che potranno mai inventarsi dopo il joystick senza fili e il sensore di movimento? Immagino proprio che il prossimo passo sia il controllo vocale perfezionato e l’introduzione del controllo tramite impulsi nervosi.

Già dal 2009 è stato presentato un dispositivo in grado di convertire la concentrazione e gli impulsi celebrali in bit da inviare ad una consolle,ma il campo di applicazione era molto diverso da quello di un videogioco. Si trattava infatti di un semplice ventilatore azionato a distanza e in maniera modulare  (cioè si regolava col pensiero la potenza) .

Successivamente è stato messo sul mercato un gadget che consiste in orecchie di gatto che si abbassavano in fase di rilassamento e si ergevano in fase di concentramento.

Il prossimo passo sarà una futura versione di Wii  o un console analoga?

Photoshop per tablet: Adobe sbarca su iPad con il re del fotoritocco

Posted on : 16-03-2012 | By : admin | In : Applicazioni App Store

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,

0

Sbarca prima sui dispositivi Android e poi su quelli Apple la nuova applicazione di Adobe dedita al fotoritocco. Photoshop, già ammirato per le sue capacità sui PC d tutto il mondo sarà presto disponibile anche sui tablet. Certo, la cosa è bensì strana da pensare in quanto dovrà essere ben pensata la tipologia di utilizzo: sin’ora mi risulterebbe impensabile utilizzare photoshop con le sole dita, personalmente avrei una precisione tutt’altro che accettabile.

Apple, già pronto il wi-fi 5g sui nuovi dispositivi

Posted on : 15-02-2012 | By : admin | In : Altre news, News tecnologie

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

In un nostro recente articolo abbiamo parlato del wifi 802.11 ac , che saràconosciuto più comunemente come wifi 5g. La nuova tecnologia di trasmissione dati wireless supera un gigabyte per secondo nella trasmissione dati e potrebbe essere supportata dai dispositivi Apple che verranno immessi sul mercato a fine 2012 e inizio 2013. Questo standard, che prevede una velocità più che doppia rispetto all’attuale, disporrà non più di 3 antenne: potremo averne sino ad 8.

La previsione che i prodotti Apple saranno dotati della nuova tecnologia si fonda sul fatto che proprio il suo fornitore di chipset wireless,Broadcom, l’ha presentata al CES 2012.