Crea sito

Featured Posts

  • Prev
  • Next

Windows 8 ,tempi di avvio dimezzati rispetto al nuovo OS

Posted on : 13-09-2012 | By : admin | In : News software e OS

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

Non ho ancora provato di persona il nuovo sistema operativo di Microsoft , sul mercato dal prossimo ottobre o novembre , ma se il co-fondatore di Apple ha fatto i complimenti all’azienda un motivo ci sarà. E questo motivo è confermato anche da diversi test effettuati sugli stessi PC e con lo stessocarico , prima con W7 e poi con W8.

Innanzitutto c’è da dire che la l’idea di formare un sistema unico (con lievi differenze) tra PC e altri dispositivi è buona : aiuta a semplificare l’apprendimento nell’uso del sistema operativo e rende l’OS stesso più desiderabile all’occhio dell’utilizzatore. Ma questo è solo un parere personale legato alla praticità d’uso.

Ciò che evidenziano i test riguarda la velocità di boot ( cioè d’avvio) del sistema operativo. Sullo stesso computer e con gli stessi dati/software , W8 si è avviato in tempi più che dimezzati, ovvero in soli 17 secondi. Preciso subito una cosa: il portatile montava un classico Hard Disk per notebook, quindi a 5400 g/min. Questo dato l’ho precisato per evitare insorgenze da parte dei fan di Apple, specialmente i possessori di Macbook Air . I test infatti sono molto imprecisi se effettuati su macchine diverse, perchè la componentistica hardware incide per la parte maggiore sulle prestazioni di un computer . Di conseguenza va ricordato che  un HDD da 5400 giri/min  è certamente meno efficiente di un HDD da 7200 g/min o da 10000 giri/min e ancor meno efficiente di un SSD (solid state drive).

SSD : caratteristiche generali ,diffusione e differenza con i classici HDD

Posted on : 20-12-2011 | By : admin | In : Altre news

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

1

Da diverso tempo sono comparsi sul mercato gli SSD, ovvero hard disk “allo stato solido”. Non è il primo articolo che scriviamo su queste memorie,ma con questo post  desidero informare sulle caratteristiche principali degli SSD, spiegare brevemente cosa sono ed i vantaggi/svantaggi , e parlare un po’ della tecnologia attuale(cioè fine 2011)  in rapporto a questo tipo di memorie.

SSD è  l’acronimo di Solid State Drive , ovvero ” memoria allo stato solido” o memoria flash. La storia di queste memorie vanta già molti anni,pertanto è impossibile che non ne abbiate mai sentito parlare: anche le chiavette USB ,le memorie per macchine fotografie  e memorie simili funzionano tramite lo stesso meccanismo.

Nonostante questa tecnologia non sia poi così nuova,solo recentemente si è pensato di utilizzarla direttamente come hard disk principale di un computer a livello commerciale : prima infatti una chiavetta USB o qualsiasi memoria simile non eccedeva i 32 GB (e nonostante ciò i costi non erano poi così contenuti) . Solo con la comparsa di alcuni netbook e successivamente di alcuni notebook  , gli SSD sono stati commercializzati nei computer come “configurazione di default” ,mentre prima erano componenti esclusivamente su richiesta. Le motivazioni stanno nella leggerezza e nelle dimensioni di queste memorie ,che sono alcuni dei vantaggi degli SSD. Attualmente gli SSD più capienti (ma non più performanti) montati in computer su configurazione di default sono i MAcbook Air ( con modelli da 64,128 e 256 GB ).

La caratteristica principale da un punto di vista tecnico è la mancanza di un disco che ruota e quindi della “parte meccanica” dell’hard disk. Se ci pensiamo bene ,infatti, dubito che qualcuno abbia mai sentito un disco girare in una chiavetta USB,in un Ipod/lettore MP4,ecc… !

I vantaggi di tale memorie sono i seguenti:

- Dimensioni e peso minori : questa caratteristica è particolarmente utile nei portatili,che possono così risparmiare spazio e diventare più comodi e maneggevoli da trasportare. Il MAcbook Air, tanto sponsorizzato per la sua leggerezza, è infatti l’unico modello di casa Apple a montare,già nella configurazione di base, una memoria allo stato solido. Nella categoria Hardware di Megaweb potete confrontare i pesi sia degli SSD che degli HDD. Indicativamente un HDD peserà dai 500 ai 700 grammi, mentre un SSD può raggiungere pesi inferiori ai 200 grammi.

-Prestazioni maggiorate: le velocità di scrittura e lettura sono almeno maggiorate se il computer monta un SSD. Per dare qualche dato:

1) Un HDD modesto possiede velocità di lettura/scrittura di 100 mb/s

2) Un ottimo HDD come il Western Digital Caviar Black 1TB raggunge velocità di lettura /scrittura di 126 mb/s .

3) Un HDD a 10000 giri/min come il Western DIgital Velociraptor raggiunge una velocità di lettura di  145 mb/s

4)Il modello di SSD montato sul Macbook Air  ha una velocità di lettura di (circa) 280 mb/s

5) Gli ultimi modelli di SSD con Sata III raggiungono velocità di lettura di circa 550 mb/s e  velocità di scrittura di 500mb/s

 

-Maggior Affidabilità:  il disco e il meccanismo di un HDD è sicuramente meno affidabile di una memoria SSD,considerando che non ci sono particolari parti meccaniche delicate. Inoltre è anche più affidabile per quanto concerne la sovrascrittura dei dati.

-Più ordine: l’HDD sparpaglia i dati dove gli pare, pertanto è consigliata una frequente frammentazione . Gli SSD risolvono questo particolare,garantendo migliori prestazioni.

-Consumo : sia per l’attenzione allo spreco energetico e sia perchè negli SSD nulla si muove( e quindi non si crea lavoro) , i consumi  sono molto bassi

- Silenziosità : una delle caratteristiche analizzate dai tester di HDD è la rumorosità . Gli SSD sono campioni in silenziosità.

Dopo aver esposto i principali pregi,andiamo ora a elencare i principali difetti.

-Costo : una delle piaghe di queste memorie è il prezzo. Infatti è curioso notare come un Hard disk da 1000Gb classico abbia costi sui (60-80€)  e una chiavetta USB da 32Gb di poco inferiori. Giusto per dare qualche dato , gli HDD hanno un costo medio pari a 0,1 €/Gb ,mentre gli SSD, attualmente in fase di calo di prezzo , hanno costi superiori ad 1€/gb (e sino a 3 mesi fa i costi erano di 2-3 €/gb) .

-Capacità: è un difetto relativo, in quanto generalmente non vengono mai occupati più di 150gb in un computer, salvo chi conserva un alibreria molto grande di musica,foto o video , oppure ha molti giochi installati.

 

Siccome questo articolo l’ho scritto anche per dare una risposta comune a tutti coloro che ci hanno posto domande (soprattutto chi ha utilizzato questo nostro servizio) sugli SSD , rispondo ora alle domande più frequenti a cui non è stata ancora accennata una risposta. Queste domande sono per la maggiorparte dovute alla poca diffusione di queste memorie sul mercato di massa. Infatti gli SSD non sono ancora montati di default sui PC desktop e pertanto sono esclusivamente montati su richiesta in un assemblato.

Domanda : Per quale motivo dovrei scegliere un SSD al posto di un HDD a 10000 giri?

Questa domanda viene generalmente posta dai gamers,i quali conoscono gli HDD veloci a 10000 giri/minuto , dalle caratteristiche più performanti rispetto agli HDD a 7200 giri/minuto . Per rispondere a questa domanda bisogna considrare principalmente, tra tutti i vantaggi già visti, le prestazioni (che è ciò che importa ai gamers) e l’affidabilità. Entrambe queste qualità sono superiori negli SSD. Pertanto,attualmente, gli HDD a 10000 giri/secondo sono stati accantonati.

Domanda: Considerando che gli SSD hanno poca capacità, come posso risolvere il mio bisogno di spazio?

Premettendo che questo problema è prettamente di costi (ebbene sì,esistono SSD da 1Tb ,ma costano 1000-1500€) destinato a risolversi credo nel 2012 , bisogna dire che attualmente un SSD viene inserito come hard disk principale del PC ed utilizzato per sistema operativo e software.Viene associato,nel 90% dei casi, ad un classico HDD per garantire una capacità elevata. Possiamo così memorizzare i nostri dati. Una soluzione alternativa potrebbe essere quella di utilizzare la nuova tecnologia Cloud, utilizzare un proprio Server oppure un Hard disk esterno. Nessun problema per chi non necessita di particolare spazio.

Domanda: Quali sono i benefici del PC (nel complesso) che montano un SSD ?

I vantaggi di tali memorie sono stati già elencati. Per quanto riguarda le prestazioni del PC in generale bisogna partire da un presupposto: un PC deve essere equilibrato per poter essere sfruttato. E’ un concetto non nuovo, oramai parecchio diffuso nei blog . E’ infatti inutile mettere un processore quadcore i7 , montagne di Ram e altri componenti da paura se poi c’è qualche componente che ci frena le prestazioni. E generalmente ciò che frena le prestazioni è proprio l’hard disk. Chi possiede un PC abbastanza spinto con HDD classico può verificare questa cosa anche tramite la valutazione dell’hardware presente  in Vista e in Seven. Noterà che il voto dato all’HDD è di   5,9/ 7,9  (7,9 è il voto massimo raggiungibile, perlomeno in W7) ,mentre magari quello del processore è di 7,0   o superiore. Ed infine è triste notare il voto conplessivo del PC, pari al voto del componente più scarso (su questo non sono completamente d’accordo,anche se un elemento scarso frena ampiamente le capacità degli altri) .

Per completarela serie di dati, non è possibile sfruttare un processore i7  al di sopra del 40-45%  se viene associato ad un HDD,perchè è quest’ultimo a non poter superare i suoi limiti . Pertanto un processore simile risulterebbe praticamente inutile .

Domanda: per quali motivi non sono stati ancora inseriti gli SSD nei PC desktop  preassemblati ?

Spero che questa opportunità sia presa con il futuro anno. Per rispondere a questa domanda bisogna considerare l’effetto combinato di questi fattori: conoscenza dell’hardware di un utente medio ,costi degli SSD,volontà del produttore di creare maggior ricavo con il minimo costo. Stranamente a quanto si possa pensare, il costo è la motivazione che incide meno. Spiego questa mia affermazione:  i costi degli SSD sono alti sia per i costi di produzione maggiorati,ma soprattutto perchè sono poco venduti e poco diffusi. Conferma questa ipotesi  l’effetto dell’alluvione in Tailandia ,spiegato in questo articolo : sono rincarati del 170% gli HDD ,in quanto molto richiesti e scarseggianti nel magazzino,mentre invece gli SSD non hanno subito rincari. La diffusione degli SSD potrebbe quindi risolvere il problema del costo. Tuttavia bisogna considerare le conoscenze hardware di un utente medio,che bada quasi esclusivamente “ai numeri” : un hard disk da 1000gb sarà sicuramente migliore di uno da 256 , 8gb di ram sono meglio di 4gb ,ecc… Purtroppo non sono solo però i numeri di capacità che contano,ma anche la qualità costruttiva,la tipologia del componente , le frequenze,ecc… E qui si concatena l’obiettivo del produttore,ovvero  creare maggior ricavo con il minimo costo. Per quale motivo  “Io produttore” dovrei inserire un SSD da 128-256 Gb (il quale mi costerebbe molto più di un HDD e indirizzerebbe il cliente su un PC più capiente) quando posso vendere ad un prezzo minore (o talvolta uguale!!! :) ) un HDD che mi costa un decimo e crea maggior convinzione di un buon prodotto nel cliente? Sì, è vero : talvolta i produttori,per maggiorare i loro guadagni, sfruttano la modesta conoscenza dei componenti hardware per farci credere di avere un prodotto all’avanguardia … e inoltre ottengono anche il massimo guadagno.

Domanda: nel 2012 gli SSD saranno molto diffusi?

Me lo auguro,specialmente perchè calerebbe di molto il costo. Infatti cercherò di inserire in tutti i PC che comporrò tramite questo servizio un SSD con budget di 800-850€ , e direi che sarà un obbligo per quelli superiori a budget di 900-1000€.

Nuova categoria di computer: gli ultrabook

Posted on : 22-11-2011 | By : admin | In : Altre news, Novità e progetti hardware

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

Pochi anni fa la categoria dei portatili era formata esclusivamente dai notebook, piuttosto comodi per chi si sposta ,m atuttavia effettivamente un po’ troppo pesanti . L’unica alternativa poteva essere,nel 2008, l’acquisto di un  macbook air , il quale aveva un peso di soli 1,36 Kg ,  il quale univa  un risparmio di alluminio per quanto riguarda “il case”  e una scarsa componentistica per far fronte alla riduzione di peso. Ma anche il portafoglio si alleggeriva con l’acquisto di questo portatile  che, lasciatemelo dire, ha anche tutt’ora un prezzo troppo elevato (come tutti i prodotti Apple dopotutto). Successivamente sono arrivati i netbook ( secondo me strumento vincente per chi viaggia e non ha grosse pretese) ,dalle caratterisitche elementari ,ma tuttavia con prezzo e leggerezza accettabili , e i tablet. Anche quest’ultimi sono a mio parere un’idea veramente vincente per la loro portabilità ,ma secondo alcuni questi dispositivi avranno vita breve.

Nasce tuttavia a fine 2011 una nuova categoria di PC : gli ultrabook. Prendete un Macbook Air ,installate Windows (unico lato dolente rispetto al Macbook air)  e abbassate il prezzo di 200-400€ . Un ottimo prezzo  se consideriamo che sono i primi sul mercato. Ora presento in modo molto spiccio due o tre modelli, rimandando però la scheda tecnica in altri articoli.

Quello che più ci ha colpito dei tre analizzati è  “Folio”  della HP, il quale unisce CPU Intel i5-2467M (processore a risparmio energetico in quanto viene alimentato con tensione più bassa rispetto ad altri), 6 celle di batteria, SSD da 128 GB  e una buona dotazione di porte standard e nuove,come la usb 3.0 .

 

Il secondo modello che abbiamo preso in considerazione è  della LG e si chiama P330. Giusto per dare qualche caratteristica tecnica citiamo di nuovo il processore i5  e un SSD da 40GB (di base,ma è possibile inserirne uno di maggiore capacità sino a 640GB) . Nota dolente a livello tecnico è il peso di 1,7 Kg ,mentre anche per quanto riguarda il portafoglio non c’è da gioire : 1200$ (in Corea) per il modello base. Aspettiamo i prezzi in Italia prima di dare un giudizio fiale.

Infine abbiamo preso in esame anche un ultra-book della Asus, il  Zenbook UX31. Questo ultrabook è particolarmente simile al macbook air anche nelle potenzialità,anche se l’Asus  si guadagna qualche punto in più. Configurabile con i5 o i7 , SSD da 128 o 256 GB ,batteria più duratura del macbook air di 10 minuti in media  ( a parità di sforzo /luminosità/applicazioni aperte/ecc…) . I difetti risiedono invece nella tastiera non retroilluminata (presente invece nell’ultrabook dell’HP) . Il costo, di 200$ inferiore al macbook air lo pone in una posizione di buon concorrente.