Crea sito

Featured Posts

  • Prev
  • Next

Facebook : chat sotto controllo

Posted on : 17-08-2012 | By : admin | In : Altre news

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

Per Facebook la sicrezza è molto importante, sicuramente piùdella privacy degli utenti. Questo è dimostrato dal sistema adottato da Facebook pr prevenire ogni forma di pericolo.

Il sistema infatti tiene sotto controllo tutte le nostre chat ,messaggi e stati tramite un sistema automatico e in caso di parole ” a rischio emergenza” o comportamenti considerati anomali interviene anche la parte umana. Il sistema è stato collaudato incastrando un tentativo di pedofilia .

 

Google rifà le mappe in 3D e si espande

Posted on : 12-06-2012 | By : admin | In : Servizi online

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

I dirigenti diGoogle hanno recentemente rilasciato alcune informazioni riguardo ai progetti futuri, a partire da un ampliamento delle mappe che comprenderanno alcuni tra i sentieri di montagna e stradine. Ma la notizia che fa sicuramente più clamore è l’iniziativa di rifare le mappe in 3D . In pratica gli edifici verranno visualizzati  come già accade per alcuni moumenti e zone famose o importanti. Per fare ciò Google ha previsto di utilizzare aerei per riprendere 4 visuali di ogni edificio e successivamente montare tali immagini in modo da creare una visuale 3D  fotorealistica.

Google ha stipulato infatti alcuni contratti con dverse compagnie incaricate di sorvolare il globo per le riprese . Per quanto riguarda invece i sentieri di montagna non accessibili nè con l’aereo e nemmeno  con Google car , ci saranno degli incaricati “boy scout”  che si addentreranno con le giuste attrezzature.

Eliminare la gran parte delle fastidiose notifiche Facebook

Posted on : 01-06-2012 | By : admin | In : Social network

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

Facebook non è un brutto social network, ma in fato di notifiche è veramente fastidioso, specialmente se siconsiddr che la maggiorparte provengono non dai tuoi amici , ma da applicazioni alla qale abbiamo dato inconsapevolmente  il consenso a scriverci. Vediamo qudi come è possibile eliminare gran parte delle applicazioni Facebook. A dire il vero c’è più di un modo, ma questo risulta uno dei più semplici da eseguire.

1) dal menù notifiche che ben conosciamo clicchiamo “vedi tutte le notifiche ”

2)In alto, vai su “impostazioni delle notifiche”

3)Nel menù laterale di sinistra, clicca su applicazioni

4) cancella tutte le applicazioni dell’elenco che non vuoi più vedere tra le notifiche.

E cos’ le applicazioni non vi daranno più fastidio!

Alternativamente:

1)dopo aver cliccato su “vedi tutte le notifiche” , scorgi l’applicazione che vuoi eliminare…

2)avvicinati all’applicazione e clicca sulla x

3) dal minimenù che si apre clicca su “modifica impostazioni applicazione”

4)clicca su mai

 

Chi vende online abitualmente è un imprenditore…

Posted on : 06-04-2012 | By : admin | In : Altre news

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

… e pertanto deve pagare le tasse come un qualsiasi altro imprenditore.

Per diversi anni l’escamotage della vendita online ha portato diversi benefici economici a coloro che vendevano oggetti o servizi online  spacciandosi per venditori privati  e non frofessonali. Pertanto non hanno mai pagato le tasse come gli imprenditori che esercitano l’attività in modalità offline. Proprio a tal proposito una sentenza del 19 marzo 2012 ha sancito che l’imprenditore è colui che compie un’attività di produzione e/0 scambio di beni e servizi in modo professionale al fine di ricavare degli utili (art 2082 c.c. ). Pertanto  chi compie in maniera professionale (=abitudinaria) un’attività , anche online,  è considerato imprenditore.

Il Fisco ha pertanto effettuato controlli sul proncipale sito di aste e vendite online , Ebay, riscontrando spesso una totale ingnoranza dei venditori sull’argomento, i quali sono talvolta “caduti dalle nuvole” .

 

Photoshop per tablet: Adobe sbarca su iPad con il re del fotoritocco

Posted on : 16-03-2012 | By : admin | In : Applicazioni App Store

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,

0

Sbarca prima sui dispositivi Android e poi su quelli Apple la nuova applicazione di Adobe dedita al fotoritocco. Photoshop, già ammirato per le sue capacità sui PC d tutto il mondo sarà presto disponibile anche sui tablet. Certo, la cosa è bensì strana da pensare in quanto dovrà essere ben pensata la tipologia di utilizzo: sin’ora mi risulterebbe impensabile utilizzare photoshop con le sole dita, personalmente avrei una precisione tutt’altro che accettabile.

Chiuso Megaupload, Megavideo e modifiche agli altri canali di file-sharing

Posted on : 23-01-2012 | By : admin | In : News pirateria ,sicurezza e truffe

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

1

Se state leggendo questo articolo forse avete provato a cercare su Google il motivo per la quale vi ritrovate l’immagine qui sotto al posto della classica homepage di Megaupload

La motivazione è in realtà molto semplice: Megaupload e Megavideo sono stati ,forse temporaneamente e forse no, messi sotto sequestro. E’ indubbiamente una brutta storia ,che ci limitiamo a riassumere in qualche riga.

A mettere sotto sequetro i due domini Megaupload.com e Megavideo.com  sono stati l’FBI  e il dipartimento di giustizia americano. La voce della chiusura dei due grandi siti, diffusasi inizialmente sui socialnetwork, ha fatto adirare ,com’era prevedibile, il gruppo di hacker Anonymous . Poco dopo la chiusura ,infatti, sono riusciti ad hackerare le homepage di alcuni grandi siti americani,tra cui proprio l’FBI e il dipartimento di giustizia americano.

Tra le accuse mosse ai gestori dei due siti, sin’ora protetti anche da alcune leggi del loro Paese, risulta però un’accusa per riciclaggio di milioni di dollari. Tra i beni sequestrati figurano infatti anche diverse auto di lusso e oggetti di elettronica.

Nonostante sia fuori dubbio che la pirateria apporta ingenti danni ad alcune imprese cinematografiche,software house e di altro genere , non ritengo per nulla corretto l’oscuramento dei due domini, perlomeno non prima di una udienza ufficiale  che possa approvare una condanna.

E’ stato previsto, tra l’altro, uno sciopero generale per protestare contro le due leggi (SOPA e PIPA) che pur di ditruggere la pirateria sarebbero disposti a distruggere internet. Ne spiego subito il senso: secondo queste due leggi la pirateria andrebbe praticamente abbattuta, in quanto anche il linkare ad un contenuto pirata ospitato altrove,dovunque esso si trovi, costituisce un reato imputabile al sito che ha linkato, con il successivo sequestro dello stesso.

L’argomento,veramente interessante da seguire, è molto dibattuto in America: c’è chi parla di rischio ad una guerra digitale.

Va ricordato comunque che anche altri siti di file sharing hanno subito non poche restrinzioni: chi richiede un login, chi ha eliminato una marea di file,ecc…

Vi siete favorevoli alla chiusura dei siti di file sharing? Motivate anche una risposta seria e preferibilmente che vada oltre ai vostri interessi personali.

Facebook rilascia una guida per la sicurezza

Posted on : 23-08-2011 | By : admin | In : News pirateria ,sicurezza e truffe

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

Negli ultimi giorni Facebook, colosso informatico sempre al centro di discussioni riguaranti la sicurezza e la privacy, ha rilasciato una guida (sebbene in inglese) che spiega le basi della sicurezza in internet . Spiega quindi cos’è un attacco di phishing,come scegliere una password appropriata difficile da indovinare o scoprire,comeutlizzare al meglio i servizi offerti per il recupero ufficiale delle password. Un concetto che viene espresso con importanza è quello di aggiungere tra i propri amici solo persone che già conosciamo nella vita reale e,allo stesso modo, di proteggere la nostra privacy facendo visualizzare le nostre informazioni a meno persone possibili. Si,forse ho esagerato un po’ e ho rafforzato ciò che Facebook voleva dire,ma all’incirca il concetto è questo.  Un concetto che molti utenti non considerano affatto,considerando che  alcuni account possiedono più di 1000 amici. Tuttavia mi viene spontaneo dire che Facebook,fino ad ora, non ha invitato nel modo migliore i suoi utenti a riflettere su questa precauzione: nelle impostazioni di sicurezza non è forse presente la voce “amici di amici” ?  Non so voi, ma personalmente ritengo tale voce parzialmente colpevole della scarsa attenzione degli utenti riguardo alla privacy, in quanto un utente di Facebook :

a)cerca in qualche modo di essere più sociale possibile

b)pensa che nonostante le informazioni siano visibili a molte più persone, la propria privacy sia protetta.