Crea sito

Featured Posts

  • Prev
  • Next

Youtube , maggiore privacy con l’oscuramento dei volti

Posted on : 17-08-2012 | By : admin | In : Altre news

Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

0

A molti sembrerà una ottima idea e un servizio che magaricercavano da tempo con diversi software. Altri invece non lo useranno mai perchè credono che il bello dei video di Youtube sia proprio la visione originale del video, senza modifiche. Qualunque sia la vostra idea, ritengo molto interessante la possibilità di oscurare volti nei video di Youtube attraverso l’editor interno, proprio come avviene nei filmati che vediamo spesso in TV (come le denunce di Striscia la Notizia ad esempio).

La protezione della privacy permette ai protagonisti di non avere ripercussioni nella vita reale che comprometterebbero magari gli aspetti lavorativi o comunque di notevole importanza. Il processo è difficilmente reversibile e comunque molto costoso da attuarsi.

Reti Wireless non protette : il proprietario non è responsabile

Posted on : 02-06-2012 | By : admin | In : News pirateria ,sicurezza e truffe

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

Se il proprietario di una rete wireless lascia libero accesso in rete a terzi e quet’ultimi commettono un reato tramite la rete, a chi può essere attribuita la colpa?  L’argomento è scoppia da un tempo troppo breve per poter dare una soluzione definitiva, ma diversi stati (tra cui la Finlandia) hanno cercato di dare una soluzione al problema, tenendo conto delle vigenti leggi in materia di Web. Un tribunale finlandese ha infatti concluso un’udienza con la decisione che il proprietario cittadino non può essere ritenuto responsabile per una rete wireless lasciata a libero accesso. Questa è la strada che molto probabilmente seguirà questo stato ,ammesso che non venga ribaltata la situazione con un appello.

Tuttavia si sta puntando molto sull’identificazione nella rete, ovvero un modo per loggarsi ad una rete (anche aperta) al fine di individuare i responsabili in caso di reato (accuse spesso riconducibili a violazioni di copyright, ma potrebbero esserci reati più gravi come vere e proprie truffe).

Chi possiede un’attività e vuole offrire la propria rete al pubblico acquista già pacchetti che, oltre a gestire flussi di parecchi utenti diversi in contemporanea, necessitano di registrazione per potervi accedere. In tal modo la rete è aperta,ma non spalancata.

Facebook rilascia una guida per la sicurezza

Posted on : 23-08-2011 | By : admin | In : News pirateria ,sicurezza e truffe

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

Negli ultimi giorni Facebook, colosso informatico sempre al centro di discussioni riguaranti la sicurezza e la privacy, ha rilasciato una guida (sebbene in inglese) che spiega le basi della sicurezza in internet . Spiega quindi cos’è un attacco di phishing,come scegliere una password appropriata difficile da indovinare o scoprire,comeutlizzare al meglio i servizi offerti per il recupero ufficiale delle password. Un concetto che viene espresso con importanza è quello di aggiungere tra i propri amici solo persone che già conosciamo nella vita reale e,allo stesso modo, di proteggere la nostra privacy facendo visualizzare le nostre informazioni a meno persone possibili. Si,forse ho esagerato un po’ e ho rafforzato ciò che Facebook voleva dire,ma all’incirca il concetto è questo.  Un concetto che molti utenti non considerano affatto,considerando che  alcuni account possiedono più di 1000 amici. Tuttavia mi viene spontaneo dire che Facebook,fino ad ora, non ha invitato nel modo migliore i suoi utenti a riflettere su questa precauzione: nelle impostazioni di sicurezza non è forse presente la voce “amici di amici” ?  Non so voi, ma personalmente ritengo tale voce parzialmente colpevole della scarsa attenzione degli utenti riguardo alla privacy, in quanto un utente di Facebook :

a)cerca in qualche modo di essere più sociale possibile

b)pensa che nonostante le informazioni siano visibili a molte più persone, la propria privacy sia protetta.